La revisione del sistema di scambio di quote di emissioni dell'UE deve essere inserita in una politica industriale pulita per l'Europa. IndustriAll Europe si oppone all'estensione del sistema di scambio di quote di emissione dell'UE (ETS) ad altri settori e insiste sul fatto che la riforma dell'ETS deve essere inserita in una strategia industriale più ampia volta alla decarbonizzazione, combinata con il sostegno ai lavoratori interessati dalla transizione.
L'UE si è, infatti, impegnata per aumentare le ambizioni climatiche entro il 2030 e ha promesso che ciò sarà accompagnato da una transizione giusta per i lavoratori interessati. È sulla base di questo equilibrio che industriAll European Trade Union ha sostenuto il Green Deal europeo, nonché l'ambizione a lungo termine della neutralità del carbonio entro il 2050.
La revisione al rialzo dell'obiettivo di riduzione delle emissioni dell'UE per il 2030 richiede una revisione del sistema di scambio di quote di emissioni dell'UE. Le due principali proposte avanzate dalla Commissione Europea, quando si tratta di riformare l'EU ETS nel contesto del -55%, sono di estenderlo all'edilizia e al trasporto su strada, e di ridurre il cap.
Nella sua risposta iniziale alla consultazione pubblica dell'UE, industriAll Europe illustra le implicazioni delle opzioni politiche proposte dal punto di vista dei lavoratori. In particolare, industriAll Europe non è favorevole all'estensione dell'EU ETS ad altri settori, come proposto dalla Commissione Europea. La tariffazione del carbonio può fornire un ulteriore incentivo alla decarbonizzazione dei settori, come il trasporto su strada e l'edilizia, ma l'EU ETS non è il miglior veicolo per raggiungere tale obiettivo.
L'ETS attualmente copre circa il 40% delle emissioni di gas serra dell'UE da circa 11.000 installazioni in tutti gli Stati membri dell'UE, Norvegia, Islanda e Lichtenstein, nonché dalle compagnie aeree che operano all'interno di quel gruppo di paesi. I settori coperti dall'EU ETS rappresentano circa 7,5 milioni di posti di lavoro (5,9 milioni nelle industrie ad alta intensità energetica e 1,5 milioni nei settori energetici). Questi settori sono anche fornitori chiave di altri settori in tutta l'economia e sono di importanza strategica per la prosperità dell'UE.


La decarbonizzazione non avverrà nel vuoto e siamo nel mezzo di una grave recessione economica (-7,5% per il PIL dell'UE nel 2020), che sta influenzando i livelli di produzione, la liquidità e la capacità di investimento delle aziende.
Judith Kirton-Darling, Vice Segretario generale di industriAll Europe, afferma: “L'EU ETS non fa una politica industriale e non deve diventare una mucca da mungere per rimborsare i fondi di recupero dell'UE. Fondamentalmente, una riforma dell'ETS deve essere inserita in una strategia industriale più ampia che fornisca tutti gli elementi abilitanti chiave necessari per attivare la necessaria azione di trasformazione. L'utilizzo dei proventi dovrebbe fornire ulteriore sostegno all'azione per il clima, compresi gli investimenti per trasformare gli impianti nei settori coperti dall'ETS ".
Una posizione sindacale completa sulla revisione dell'ETS sarà discussa dal comitato esecutivo di industriAll Europe in aprile.

Nota a margine "il sistema di scambio di quote di emissione dell’UE (ETS UE) è una delle pietre angolari su cui si fonda la politica dell'UE per contrastare i cambiamenti climatici e uno strumento essenziale per ridurre in maniera economicamente efficiente le emissioni di gas a effetto serra. È il primo mercato mondiale della CO2 e continua a essere il più esteso". (Fonte: sito ufficiale dell'Unione europea).

 

Comunicato IndustriAll E.     Sistema per lo scambio delle quote di emissione dell'UE (ETS UE)


logo filctem

 

   VIA PIEMONTE , 32 - 00187 ROMA

   +39 06 46 200 91

   +39 06 48 242 46

   nazionale at white filctemcgil.it

   filctemcgil at white pec.it

Servizi Cgil

cgil  inca

 

caaf cgil        inca        fondazione Di Vittorio

Archivio

Seguici sui Social

facebook     twitter     youtube     flickr