IndustriAll Europe accoglie con favore l'iniziativa sulle competenze che deve far parte di un'ambiziosa strategia tessile dell'UE e di un'agenda per una transizione giusta in un settore in fase di cambiamento.
Nei giorni scorsi è stata avviata una partnership di competenze per i settori europei del tessile, dell'abbigliamento, della pelle e delle calzature (TCLF) e per gli attori che operano lungo la catena del valore (dalle aziende al mondo accademico, alla ricerca, ai fornitori di servizi e ai fornitori), il cosiddetto 'ecosistema tessile'.

Il partenariato per le competenze fa parte del nuovo Patto per le competenze dell'UE ed è stato avviato oggi in una tavola rotonda virtuale di alto livello, presieduta dai commissari dell'UE, Nicolas Schmit (occupazione) e Thierry Breton (industria). L'evento di lancio ha offerto alle parti interessate (rappresentanti dell'industria, delle regioni, dei fornitori di formazione e dei sindacati) l'opportunità di discutere le sfide che l'ecosistema tessile deve affrontare per quanto riguarda la riqualificazione e la riqualificazione dei lavoratori e di stabilire quale supporto è necessario per lo sviluppo delle competenze a livello europeo.

IndustriAll Europe ha affermato la propria volontà di svolgere un ruolo pieno nel partenariato per le competenze tessili e ha sottolineato l'importanza dello sviluppo delle competenze per questo settore, che sta attraversando un profondo cambiamento strutturale ed è stato duramente colpito dalla pandemia COVID-19. Prima della pandemia, le industrie TCLF, rappresentate da migliaia di aziende, impiegavano più di 1,8 milioni di lavoratori in Europa. La pandemia ha avuto un impatto particolare sui segmenti al dettaglio del settore e ha intensificato i cambiamenti strutturali esistenti, legati sia alla decarbonizzazione che alla digitalizzazione in tutta l'economia.

Intervenendo all'evento di lancio, Judith Kirton-Darling, Vice segretario generale di industriAll Europe, ha affermato: “Le industrie TCLF hanno urgente bisogno di una solida politica industriale dell'UE per il settore più ampio e di una giusta transizione per la sua forza lavoro. Lo sviluppo delle competenze è un pilastro centrale di qualsiasi politica industriale di successo e fondamentale per una giusta transizione. Vogliamo vedere un'ambiziosa strategia tessile dell'UE che affronti le esigenze del settore in modo olistico".

Judith Kirton-Darling ha detto, inoltre: ”I settori TCLF sono molto diversi. Si va da segmenti a volte glamour e specializzati ad alta tecnologia e ad alta competenza a lavoratori sottovalutati in condizioni di sfruttamento. Un'agenda per le competenze per l'Europa deve affrontare questa realtà".

IndustriAll Europe ha, infatti, ulteriormente sottolineato la necessità di garantire che l'azione dell'UE affronti la realtà delle diverse regioni in Europa. In particolare nell'Europa sudorientale, ci sono centinaia di PMI nel settore che impiegano oltre 600.000 lavoratori e c'è un ulteriore potenziale di crescita. La maggior parte di queste società sono filiali dirette di società multinazionali con origini dell'Europa occidentale. Attrarre lavoratori nel settore è vitale e le competenze svolgono un ruolo in questo, ma la carenza di lavoratori a causa delle cattive condizioni di lavoro e salariali nelle industrie TCLF è un'altra seria sfida per il settore.

Judith Kirton-Darling: "Ci auguriamo che l'azione dell'UE sulle competenze nelle industrie tessili conduca a un'industria più forte e più resiliente sia dal punto di vista ambientale che sociale".

Documento


logo filctem

 

   VIA PIEMONTE , 32 - 00187 ROMA

   +39 06 46 200 91

   +39 06 48 242 46

   nazionale at white filctemcgil.it

   filctemcgil at white pec.it

Servizi Cgil

cgil  inca

 

caaf cgil        inca        fondazione Di Vittorio

Archivio

Seguici sui Social

facebook     twitter     youtube     flickr